Nouveau projet de recherche 2013-2015

Scritture ibridate contemporanee: ricerca sulle modalità di creazione transmediale e intermediale in ambito plurilingue

Le PRA, Progetto di ricerca di Ateneo a été financé par le Dipartimento di Lingue e culture moderne.

Participants: Elisa Bricco, Micaela Burger, Anna Fochesato, Valeria Mosca, Nancy Murzilli, Laura Quercioli, Chiara Rolla, Simone Torsani.

Description du projet

La questione del rapporto tra letteratura e arte è da sempre stato oggetto della riflessione critica. Vasti paralleli e compendi che tracciano il rapporto tra le forme artistiche e quelle scritte si ritrovano sia nel campo della critica letteraria sia in quella più specificatamente artistica. A partire dal XIX secolo, con l’avvento del romanzo realista, la comunicazione tra le arti è diventata una costante della creazione letteraria investendo tutte le forme della scrittura. E, negli ultimi decenni del XX e all’inizio del XXI secolo, si assiste a un aumento esponenziale della produzione di opere nelle quali la transmedialità e l’intermedialità assumono un ruolo importante se non preponderante.
Anche la critica si è interessata in maniera sempre più attiva a questi fenomeni di circolazione transmediale. Il rapporto tra romanzo e immagine è la tematica più sviluppata e quella sulla quale si è maggiormente concentrata la riflessione teorica, che si è sviluppata sia in prospettiva diacronica che sincronica (vedi bibliografia). Sono anche numerose le opere che affrontano tematiche trasversali, ovvero il rapporto della scrittura in prosa con le forme d’arte in particolare, come ad esempio il cinema, la fotografia. Un altro campo molto esplorato è quello che prende in considerazione il rapporto tra la scrittura e la creazione artistica, i loro reciproci influssi, intersezioni e ibridazioni e, in campo assolutamente attuale e innovativo la riflessione sulla letteratura ‘fuori’ dal testo ovvero tutte le forme di rappresentazione e performance che prendono spunto da testi scritti e che elaborano trasposizioni di qualsiasi genere.
A partire dai presupposti esposti, il presente progetto di ricerca intende svolgere un’indagine sulle forme di scrittura contemporanee (dopo il 1990) nelle quali si evidenzia un rapporto di ibridazione con un’altra forma artistica. Che si tratti di dinamiche transmediali o intermediali, la scrittura contemporanea mette in scena nuove strategie di creazione e di realizzazione di progetti nei quali il testo letterario si ritrova arricchito e ibridato dalle arti dell’immagine, plastiche, musicali e performative. Saranno dunque oggetto della nostra ricerca le esperienze di collaborazioni tra scrittori e fotografi, artisti, cineasti, per la realizzazione di opere che saranno lette e viste, ma anche video, spettacoli e performance in cui la scrittura interagisce con l’immagine, la musica, il movimento sulla scena al fine di creare un tutto unico, un’opera multimediale in cui i diversi aspetti della creazione collaborano e s’intersecano.

Il progetto si svilupperà su due assi.

1) Sulla scia dei risultati ottenuti al termine dei lavori di un progetto PRIN 2009 (conclusosi nell’ottobre 2013), alcuni componenti del gruppo di ricerca proseguiranno l’investigazione di queste forme di ibridazione realizzando una serie di interviste a autori contemporanei le cui opere realizzano il dialogo tra le arti. Sarà inviato un questionario a una serie di artisti e scrittori, nell’ottica delle inchieste letterarie che si svolgevano all’inizio del Novecento, per capire e esplicitare quali sono i rapporti che gli autori sviluppano con le diverse forme della creazione artistica.

2) Il secondo asse della ricerca prevede che ogni partecipante si concentrerà sulla produzione di uno o più autore/artista che ha sviluppato forme di collaborazione con altri autori/artisti oppure usa integrare nelle sue opere altre forme di creazione artistica.

In ambito francofono, Elisa Bricco concentrerà la sua riflessione sull’ibridazione tra la scrittura e la fotografia nelle opere di autori che scrivono del loro rapporto con la città. A partire da Sophie Calle e dalle sue sperimentazioni sulla città e le trasformazioni (ad es. il lavoro svolto sui monumenti comunisti che sono stati cancellati a Berlino, Souvenirs de Berlin-Est, 2001) oppure il suo allestimento di una cabina telefonica a New York (Gotham Handbook. New York mode d’emploi, 1998) ; per passare ad altre esperienze in cui la scrittura e la fotografia convergono nella costruzione dell’opera: l’autofiction di Catherine Cusset (New York, journal d’un cycle, 2009)  e l’autobiografia di Colette Fellous (Avenue de France, 2001).
Nancy Murzilli lavorerà sui rapporti tra letteratura e cinema, le nuove potenzialità della scrittura intesa come arte digitale, e i cambiamenti che questi tipi di intermedialità generano sul concetto di lettore.
Chiara Rolla concentrerà la sua riflessione sull’ibridazione tra la scrittura e la pittura, interrogandosi sulla presenza del soggetto artista (in particolar modo il pittore) così ricorrente nel panorama letterario francese contemporaneo e cercando di comprendere cosa la scrittura “invidi” alle tecniche pittoriche e come queste tecniche ibridino la scrittura narrativa.
Anna Fochesato incentrerà l’attenzione sull’opera di Philippe Vasset e sulla pratica del libro fuori dal testo.

In ambito polonistico, Laura Quercioli intende indagare le opere di tre giovani autrici (Elżbieta Janicka, classe 1970, Monika Rudaś-Grodzka, 1968, e Beata Chomątowska, 1976) che, in maniera diversa, tramite l’utilizzo di fotografie e riproduzioni d’arte, in cui il discorso è sviluppato in interazione e integrazione fra la parola scritta e l’immagine, esplorano il terreno sia fisico, urbanistico e architettonico sia culturale-storico-spirituale della copresenza ebraica in Polonia.

In ambito germanistico, Michaela Bürger continuerà lo studio delle pratiche creative di Semier Insayif scrittore che realizza progetti congiunti con artisti, fotografi, musicisti.

In ambito anglofono, Valeria Mosca proseguirà la sua ricerca dottorale su J.M. Coetzee, che negli ultimi anni è stato co-autore di opere ibride (scrittura/scultura/fotografia) con l’artista belga Berlinde De Bruyckere.

Simone Torsani analizzerà il rapporto tra tecnologie, letteratura e arti figurative in ambito glottodidattica – fenomeno che ha già una propria tradizione (p. es. Rozema, 2003 che utilizza i Multi User Dungeon per ricreare con i propri studenti il mondo dei romanzi di Orwell e Huxley) – per individuare, alla luce dei più recenti sviluppi tecnologici, possibili scenari futuri.

La ricerca si propone di indagare sulle scritture ibridate e transmediali nell’ambito delle culture straniere citate in un’ottica anche comparatistica.

Risultati attesi

A tal fine si produrranno dei supporti che consentiranno di fare il punto sulla situazione attraverso e di disseminare i risultati ottenuti nell’ambito della comunità degli specialisti attraverso:

  1. la pubblicazione delle interviste a autori e artisti che operano nell’ambito della scrittura ibridata
  2. l’organizzazione e la realizzazione di una giornata di studio che sarà il momento di scambio e di approfondimento tra i partecipanti alla ricerca, esperti esterni e autori/artisti.
  3. la pubblicazione degli atti della giornata di studio
  4. la partecipazione a seminari e giornate di studio

 


Elisa Bricco

Professeur de Littérature Française. Responsable du carnet.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *