Réunion ARGEC du 03.02.2012

La réunion du groupe de recherche a eu lieu le 03.02.2012 au Département de Langues de l’Université de Gênes.

Erano presenti a parte chi scrive, Nancy Murzilli, Chiara Rolla e Annie Oliver su skype.
La discussione si è incentrata su alcuni argomenti che riguardano le prospettive della ricerca, infatti oltre alla riflessione sul sujet, che, come potrete vedere dalla scheda di lettura di Fragments d’inconnu. Pour une histoire du sujet,  Pascal Michon (2010), che ho caricato su pbworks, è del tutto appannaggio della filosofia prima e negli ultimi due secoli anche della filosofia del linguaggio e della linguistica. Nella scheda ho trascritto alcune citazioni che mi sembravano interessanti e che possono essere utili per comprendere le specificità del campo di studio, ma difficilmente saranno utili e utilizzabili per la nostra indagine sul soggetto nel romanzo contemporaneo.
A proposito di soggetto, la discussione è stata animata perché lo studio del soggetto in letteratura narrativa secondo me deve prevedere almeno quattro tipologie di ‘persona’: il soggetto narratore che può essere personaggio o protagonista, il soggetto narrato che può essere il protagonista o un personaggio e diventare dunque oggetto della narrazione. Idealmente dunque la nostra indagine deve puntare a queste quattro figure.
Poi, altra discussione sulle forme artistiche (nel progetto ne avevamo indicate nove) e di conseguenza sul corpus delle opere sulle quali lavoreremo. Dopo ampia discussione con Annie, che giustamente suggerisce di prendere come referenza i lavori di D. Viart, La littérature au présent e anche, aggiungo io, l’articolo prensente nel collettivo L’éclatement des genres au XXe siècle, nel quale si sofferma sulle fictions biographiques e la lista dei riferimenti è bella lunga, abbiamo deciso di continuare con lo spoglio della Quinzaine littéraire, che Chiara sta certosinamente svolgendo prendendo nota di tutti i testi di narrativa che rimandano a una qualche presenza dell’arte. Lavoro grande e ingrato, che ci consentirà però di elaborare un repertorio ragionato e di scegliere con ampia possibilità i nostri rispettivi campi di riflessione.
Il lavoro poi ci porterà a operare proprio scelte di campo individuali e personali che rispecchieranno naturalmente le nostre sensibilità, gusti, capacità ecc.: si potrà concentrarsi su un autore, su una forma artistica, su una tipologia scripturale, su una tipologia di soggetto (vedi sopra).
La mia idea è anche quella di mettere on line il repertorio in forma ipertestuale in maniera da poterlo navigare secondo i criteri tematici e narratologici sopracitati. Questo sarà un altro prodotto della ricerca.
Ci siamo lasciate quasi alle 15.30 con l’impressione che il tempo fosse passato in un attimo e con la certezza che il lavoro sarà tanto ma è anche appassionante.


Elisa Bricco

Professeur de Littérature Française. Responsable du carnet.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search