Séminaire sur la Littérature numérique

  • ts

Il giallo di indagine in ambiente digitale

Edgar A. Poe ed Agatha Christie sostenevano che per scrivere un giallo è prima di tutto necessario avere  bene in mente la scena finale, per poi procedere a ritroso e linearmente  nella stesura della storia. Cosa accade quando un giallo viene narrato in ambiente digitale attraverso un database, Twitter, Instagram o il GPS?  Le tecnologie digitali cambiano il modo di scrivere e di fruire un genere altamente codificato come il giallo di indagine? Si può affermare che si sta definendo una nuova sottospecie del genere, la quale implica un diverso modo di intendere la legge e la giustizia?

Il seminario si è tenuto venerdì 19 febbraio 2016 presso il Dipartimento di Lingue e Culture Moderne dell’Università di Genova (Aula I)

Paola Carbone è Professore Associato di Letteratura inglese presso l’Università IULM di Milano, dove insegna dal 1992. Ad agosto 2014 ha ottenuto l’abilitazione a professore di prima fascia per il settore concorsuale 10/L1. Dal 1999 è membro dei collegi di dottorato in  “Le letterature comparate” e in  “Letterature e media: narratività e linguaggi” coordinato dal Prof. Silvano Nigro.
Dal 2000 è supervisore del progetto TristramShandyWeb (www.tristramshandyweb.com) e tra i suoi interessi di ricerca troviamo il romanzo inglese postmoderno, il romanzo indiano di lingua inglese, le forme narrative in ambiente digitale e il rapporto tra letteratura e legge.

Tra le sue pubblicazioni: La lanterna magica di Tristram Shandy. Visualità e informazione, ordine ed entropia, paradossi e trompe-l’oeil nel romanzo di Sterne, (Ombre corte, 2008),

 


Elisa Bricco

Professeur de Littérature Française. Responsable du carnet.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.